L’allattamento al seno č molto importante sia per il benessere psicologico del bambino che per una sana crescita. Il latte materno č ricco di sostanze nutritive e fornisce al neonato l’adeguata protezione da eventuali infezioni e malattie. Riveste notevole importanza l’allattamento nei primi giorni di vita del bambino, il quale riceverŕ il primo latte chiamato colostro, ricco di anticorpi. Molte mamme si chiedono fin quando č opportuno allattare e quando smettere di allattare il loro bambino.

Diciamo che verso il quarto mese di vita il bambino inizierŕ lo svezzamento, in alcuni casi potrŕ essere anticipato o ritardato tenendo conto del suo stato di salute e dell’andamento della crescita; inoltre, andrŕ preso in considerazione anche il periodo stagionale. Molti pediatri sostengono che siano da evitare gli inizi di svezzamento in piena estate, in quanto potrebbero causare reazioni indesiderate. Si deve ricordare infine che l’eventuale presenza di intolleranze ed allergie alimentari in famiglia, č una tra le cause piů comuni per cui si tende a ritardare lo svezzamento e a posticiparlo di qualche mese, attuando una lenta e progressiva introduzione dei nuovi alimenti.

Va detto che con l’aumento ponderale del peso del bambino, il suo organismo avrŕ la necessitŕ di integrare la semplice alimentazione a base di latte materno con altri cibi. Con l’inizio dello svezzamento non sarŕ necessario smettere di allattare. Lo svezzamento si inizia introducendo un po’ di frutta omogeneizzata, per poi sostituire una o piů poppate utilizzando latte artificiale con l’aggiunta di farine lattee e biscotti.
Ciň non toglie che la mamma potrŕ continuare ad allattare il proprio bambino ancora per molti mesi, ma per far ciň dovrŕ continuare a somministrare piccole e medie quantitŕ del suo latte piů volte al giorno, in modo da non inibire la lattazione.
Alcuni pediatri ritengono utile prolungare l’allattamento fino ai sei mesi di vita, ma possiamo considerare idoneo un allattamento che si protrae per tutto il primo anno di vita del bambino. Ciň contribuisce a creare un forte legame tra bambino e mamma, ed un senso di appagamento.
Sarŕ consigliabile smettere di allattare entro il primo anno e non oltre; un allattamento protratto oltre potrŕ rivelarsi dannoso per la crescita e l’autonomia del bimbo.